L’incentivo di 25 milioni per l’acquisto di veicoli delle aziende di autotrasporti

Il rinnovo del parco veicoli delle imprese attive nel settore dei trasporti può beneficiare di un incentivo di 25 milioni di euro stanziato grazie al decreto del 19 luglio del 2016 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 216 a settembre. Le modalità secondo le quali i finanziamenti devono essere ripartiti sono specificate in un decreto dirigenziale del 7 settembre, che definisce anche i criteri da rispettare. Gli investimenti che possono essere finanziati sono quelli che sono stati effettuati a partire dal 15 settembre dello scorso anno: il decreto, infatti, al comma 1 dell'articolo 5 prevede che la data del contratto di acquisizione non sia anteriore rispetto al giorno in cui il decreto è stato pubblicato. Ciò che conta, però, è che gli investimenti siano stati ultimati entro il 15 aprile del 2017, ultimo giorno valido per la presentazione delle domande.

Gli incentivi sono pari a 3.500 euro per ogni veicolo CNG a metano con massa non inferiore a 3.5 tonnellate e non superiore a 7 tonnellate; a 10.000 euro per ogni veicolo elettrico con massa non inferiore a 3.5 tonnellate e non superiore a 7 tonnellate; a 8.000 euro per ogni veicolo CNG a metano con massa non inferiore a 7 tonnellate; a 20.000 euro per ogni veicolo CNG a gas naturale liquefatto con massa non inferiore a 7 tonnellate; a 7.000 euro per ogni veicolo Euro VI radiato, rottamato o esportato. 

Per ogni impresa è stato previsto un importo massimo totale di 600mila euro, in modo tale che potesse essere permesso l'accesso al maggior numero di beneficiari possibili: i beni comprati non possono essere alienati prima del 1° gennaio del 2020. Nel caso in cui essi non risultino della disponibilità della società che ha ricevuto gli incentivi fino al 31 dicembre del 2019, il contributo che è stato erogato verrà revocato. Gli importi sono stanziabili fino a quando ci sono risorse a sufficienza per ciascun tipo di investimento: la ripartizione delle risorse potrebbe essere ridefinita con un altro decreto dirigenziale in considerazione del numero di domande presentate. Insomma, un'opportunità da non sottovalutare per tutte le imprese del settore in cerca di finanziamenti.

Articolo in collaborazione con la sezione Normativa Autotrasporti di Giganti Della Strada.