Pneumatici da montagna: come sceglierli

Quando si avvicina il periodo invernale e la legge lo impone, cambiare gli pneumatici diventa necessario in alcune località metereologicamente sottoposte a neve, ghiaccio, forti piogge e temperature pari o inferiori ai 10°C.

Prima di prendere qualsiasi decisione consultate il sito : https://www.pneumatici.it/

I pneumatici da montagna da utilizzare per il proprio veicolo vanno scelti con cura ed installati per tempo. Questa raccomandazione non vale solo per evitare sanzioni anche molto salate ma soprattutto per migliorare le prestazioni della propria auto nei mesi più freddi dell’anno e per garantire la massima sicurezza a tutti i passeggeri.

Gli pneumatici da montagna qui in Italia devono obbligatoriamente riportare la dicitura “M+S” ovverosia Mud + snow (fango e neve). In Europa vengono commercializzate gomme cosiddette Three Packs che garantiscono prestazioni ancora più elevate rispetto agli pneumatici “M+S” poiché presentano sul battistrada numerose lamelle che aumentano il grip della vettura e garantiscono una maggior tenuta di strada. Nonostante ciò, è bene sapere che qui in Italia le gomme Three Packs non sono ancora riconosciute e che pertanto legalmente viene ritenuta valida la sola installazione di pneumatici mud + snow.

Ciò premesso, è necessario comprendere in cosa gli pneumatici da montagna differiscono da altri tipi di gomme e come sceglierli. Il primo aspetto fondamentale che sancisce una differenza netta e sostanziale tra gli pneumatici da montagna e quelli estivi è il tipo di mescola. Nelle gomme invernali, infatti, tale mescola è decisamente più morbida poiché composta da polimeri e silicio. Maggiore morbidezza della mescola equivale ad un maggior grip, una migliore tenuta di strada ed uno spazio d’arresto inferiore.

Se volete evitare problemi inutili, date le caratteristiche peculiari di questi pneumatici, il consiglio è quelli di sostituirli non appena le condizioni climatiche mutano. Mantenerli oltre i 15 gradi, col sole e senza piogge significherebbe infatti consumare di più (negli pneumatici da montagna la resistenza al rotolamento è ovviamente maggiore) e guidare male.

Quando scegliete pneumatici da montagna potrete scegliere tra quelli cosiddetti termici e quelli lamellari. La prima tipologia garantisce una buona aderenza in virtù della mescola morbida di cui abbiamo parlato poc’anzi ma non toglie che la guida debba essere decisamente prudente e mai oltre una certa velocità. Le lamellari, invece, con il particolare disegno di tasselli del quale sono dotate, consentono alla gomma di riempirsi di neve senza perdere aderenza ma, al contrario, aumentandola proprio in virtù di questo contatto costante neve poù neve.

Quando si scelgono pneumatici da montagna, infine, attenzione al codice di velocità, contraddistinto da alcune lettere. Ogni veicolo, come imposto da libretto, può montare determinati tipi di gomme con codici di velocità stabiliti. Nel caso di pneumatici da montagna sarà possibile installare gomme con codici superiori a quelli scritti sul libretto del veicolo ma mai inferiori. Ma quali sono questi codici? Vediamoli insieme: Q: fino a 160 Km/h, R: fino a 170 Km/h , S: fino a 180 Km/h,  T: fino a 190 Km/h , H: fino a 210 Km/h, V: fino a 240 Km/h , ZR: oltre i 240 Km/h.