Business Intelligence, sempre più in uso

{CAPTION}

 

Negli ultimi anni, si è sentito parlare sempre più spesso di Business Intelligence. Sebbene ci siano stati molti lavoratori interessati alla questione e desiderosi di saperne di più, non sono mancati i responsabili di aziende medie e grandi incapaci di descrivere cosa sia questo nuovo approccio allo sviluppo del settore, dichiarandosi così non in grado di comprendere se queste strategie possano essere adatte alle loro imprese.
Occorre, allora, fare un po’ di chiarezza sulla questione e comprendere se il nuovo modo di approcciarsi al business possa essere adatto ad ogni azienda.

Per prima cosa, bisogna specializzare che con la dicitura di BI si intende non appena una singola operazione ma un insieme di strategie che, se accuratamente messe in atto, permettono di avere una perfetta cartina tornasole del successo della propria azienda o dei punti da migliorare per poter avere una maggiore presenza sul mercato. Si parte, infatti, dall’analisi e dal riordino dei dati ottenuti attraverso un’accurata analisi del mercato di riferimento: valutando le vendite del prodotto o del servizio proposto, il target che si è riusciti a coinvolgere e le possibili richieste di miglioramento è possibile creare un articolo migliore o
mantenere il servizio agli standard richiesti dalla clientela.

Secondariamente, si passa all’analisi predittiva: non un’ ipotesi azzardata ma uno studio accurato su come il mercato potrebbe evolversi e cosa potrebbe stimolare la curiosità dei consumatori finali. Anche in questo caso, un pronostico veritiero sarebbe impensabile senza l’intervento di addetti in grado di sfruttare al meglio le strategie delle BI.
In ultimo luogo, a figurare tra le strategie di questo nuovo approccio è lo sviluppo di progetti: creare un prodotto, lanciarlo, osservare l’accoglienza da parte del pubblico e porsi degli obiettivi realistici è stato e continua ad essere uno dei passaggi fondamentali di questa strategia.

Non è certo un caso: valutando ogni momento della vendita, passando dal contatto con il pubblico al parere delle aziende concorrenti, è possibile ottenere un’analisi di mercato raffinata e adatta a decidere il successo o il fallimento di un’azienda.
SB Italia si impegna ormai da diversi anni nel settore, offrendo il suo supporto non solo alle piccole aziende in via di sviluppo, ma anche alle imprese storiche che hanno voglia di rinnovare i loro metodi e di ottimizzare tempi e costi nella gestione dei loro affari. Si immagini di avere a che fare con una grande azienda di preparati alimentari: continuare ad offrire la stessa gamma di piatti pronti e di condimenti potrebbe essere visto come un modo per mantenere la tradizione, ma potrebbe anche allontanare gli amanti dei sapori esotici o delle ricette innovative. In questo caso, è lecito chiedersi se bisogna cambiare o ampliare la produzione e solo un accurato studio potrebbe offrire la risposta migliore.

Quello riportato è soltanto un esempio che potrebbe essere applicato a diversi campi di vendita e produzione: sta al responsabile dell’azienda contattare un esperto e sarà dovere degli addetti di SB suggerire le strategie migliori per il successo.