Un’importante tecnica forex: le Bande di Bollinger

{CAPTION}

 

Le Bande di Bollinger sono una strategia importante per il mercato del Forex, scopriamo insieme perché.

 

Cosa sono?

John Bollinger è un autore e analista finanziario che ha dato un suo grande contributo nel campo dell’analisi tecnica con l’introduzione delle sue Bande di Bollinger negli anni ’80.

Al fine di capire al meglio la funzione di questa strategia, è opportuno fare riferimento alla media mobile, l’indicatore sicuramente più conosciuto e utilizzato nell’analisi tecnica.

La media mobile è uno strumento di mediazione del prezzo che viene utilizzato per l’analisi dei movimenti passati e che è risultato essere utile per la nascita delle Bande di Bollinger.

Bollinger, infatti, costruì intorno a una media mobile due deviazioni, dando vita a un canale al cui interno il prezzo si muove per quasi tutto il tempo, tendendo però sempre a tornare verso la media mobile, che si trova al centro.  Queste due bande si espandono o si riducono in base alla volatilità del prezzo: in caso di volatilità intensa, tendono ad espandersi; al contrario, tendono a ridursi.

Le Bande di Bollinger sono, dunque, un indicatore utile per comprendere in maniera semplice e chiara il livello di volatilità del mercato. Graficamente, infatti, offrono un impatto visivo immediato.

Osservando come il prezzo interagisce con le bande, gli analisti tecnici tentano una previsione dei movimenti dei prezzi.

Come interpretarle?

Le bande, superiore e inferiore, consentono di avere a disposizione dei livelli di supporto o di resistenza.

Nel complesso, è possibile programmare una posizione in acquisto (entrata long) quando il prezzo tocca la banda inferiore e, al contrario, una posizione in vendita (entrata short) quando tocca quella superiore.

O, ancora, quando le bande si riducono drasticamente, significa che sta per avere inizio un nuovo trend.  Se, viceversa, le bande si espandono molto, vuol dire che il trend sta per concludersi.

Un altro aspetto a cui bisogna fare attenzione riguarda il possibile movimento del prezzo al di là dei limiti delle bande. Se questo avviene verso l’alto, ci si trova in una situazione di “ipercomprato”; al contrario, se avviene verso il basso, la situazione è quella di “ipervenduto”. Nel primo caso, accade che il prezzo salga troppo velocemente, mentre nel secondo caso accade esattamente il contrario.

In genere, le Bande di Bollinger vengono costruite intorno ad una media mobile di cinque giorni, in quanto l’obiettivo è quello di operare nel breve termine.

Fare trading utilizzando le bande, dunque, non è estremamente difficile, in quanto risultano essere degli indicatori molto intuitivi e di facile interpretazione.