Ad oggi conviene ancora comprare oro ad uso investimento?

 

L'oro, insieme ai diamanti, l’argento, il platino e tutti gli altri metalli e pietre preziose esistenti, rappresenta un vero e proprio bene rifugio per tutti coloro che vogliono fare investimenti remunerativi. Questo significa che in tempi di crisi, investire in oro costituisce forse il modo migliore per allocare le proprie risorse in modo sicuro, in quanto, laddove tutti i principali titoli di borsa sembrano destinati a una certa instabilità, il prezzo dell’oro invece risulta caratterizzato da una crescita costante.

Allo stato attuale, ad esempio, il prezzo dell’oro si mantiene intorno ai 39 euro al grammo, realizzando un incremento pari quasi al 18/ 19% in soli 4 mesi nel 2016; ma i motivi per cui risulta conveniente investire in oro non finiscono qui, in quanto, secondo i principali esperti di economia e finanzia, è probabile che il valore di questo metallo continui a crescere, raggiungendo e superando di gran lunga la quota record di 1.200 dollari l’oncia toccata nel 2008.

 

 

Se dunque vogliamo oggi assicurarci un investimento sicuro e abbiamo un po’ di liquidità disponibile, comprare oro ad uso investimento potrebbe essere senza dubbio la soluzione ottimale. Tuttavia, anche in questo caso, occorre fare delle precisazioni: l’oro che comunemente tutti noi compriamo, vale a dire quello lavorato e forgiato per dare vita ad anelli, collane, bracciali, orecchini ed ogni altro tipo di gioiello, per quanto possa costituire una forma di investimento possibile, non rappresenta certamente quella migliore.

L’oro comunemente usato dagli orefici è infatti oro a 18 carati (kt) mentre l’oro più puro in assoluto e quello destinato ad avere migliori performance è quello a 24 carati (Kt). Quando dunque leggete la quotazione dell’oro sui principali bollettini o piattaforme online che si occupano di finanza e mercati, nella maggior parte dei casi, laddove non sia specificato diversamente, si fa riferimento al valore dell’oro puro, cioè quello a 24 Kt. 
Inoltre, dovete sempre considerate che a determinare il prezzo dei gioielli incidono anche altre voci come ad esempio la lavorazione o la marca, pertanto una parte della spesa sostenuta per il loro acquisto evapora immediatamente dopo aver chiuso l’acquisto.

 

 

In generale, l’oro che viene usato a scopo investimento è chiamato oro fisico ed è rappresentato principalmente da due tipi di formato: l’oro in lingotti e le monete d’oro. 
In entrambi i casi, per comprare oro ed assicurarsi l’assoluta purezza dell’oro che vi viene venduto, è preferibile rivolgersi ad operatori seri ed affidabili, dotati di esperienza e credibilità e soprattutto in grado di fornirvi tutte le certificazioni necessarie relative alla purezza e all’autenticità del metallo acquistato.

Soprattutto nel caso delle monete, che a differenza dei lingotti sono più facilmente reperibili, è necessario essere molto prudenti prima di procedere al loro acquisto, in quanto, come nel caso di tutte le altre monete in circolazione, non è raro che si verificano tentativi di truffa e contraffazione. Ma quali sono le monete d'oro più appetibili su cui conviene investire oggi per avere una rendita sicura domani? Non avete che l'imbarazzo della scelta: oltre alla sterlina, attualmente disponibile sia nel vecchio che nel nuovo conio, ci sono i marenghi italiani, quelli francesi e quelli svizzeri, i ducati e le corone austriache, i pesos di Messico e Cile e i krugerrand sudafricani.

 

 

Ma fino a quando comprare oro fisico rappresenterà una forma di investimento sicuro e remunerativo?

Ovviamente bisognerebbe avere la palla di vetro per stabilire la data esatta, anche se in via del tutto generale può essere utile considerare che fino a che il valore dei principali titoli di borsa si manterrà basso e instabile, quello dell'oro, il bene rifugio per antonomasia, è destinato invece a crescere. 
Fino ad allora quindi acquistare monete o lingotti d'oro rappresenta certamente la scelta migliore per ottimizzare i propri investimenti.