Prestiti di matrimonio: cosa sono e come richiederli

Sposarsi costa molto, si sa. Organizzare un matrimonio all'italiana, con tanto di cerimonia sontuosa, banchetto ricercato, festa danzante, viaggio ai confini del mondo, e il tutto contornato da abiti sfarzosi e accessori raffinati non è uno scherzo: il budget da preventivare rischia di essere davvero alto, al punto che molte coppie non riescono a coprire agevolmente tutte le spese, pur facendo ricorso all'aiuto economico delle famiglie di origine e dando fondo anche ai regali di nozze in contanti che spesso i parenti offrono. Ma, se non si vuole rinunciare al sogno di un matrimonio da favola, esiste sempre la possibilità di richiedere un finanziamento dedicato. Vediamo come funziona questo tipo di prestito.

Esistono essenzialmente due tipologie differenti di prestito a cui far ricorso in caso di spese per il matrimonio, per pagare location, pranzo, fotografo di matrimonio, luna di miele, musicisti, addobbi floreali e tutto quel che serve. Vediamole di seguito.

La prima possibilità è quella di pagare a rate il fornitore di un determinato servizio – generalmente tra quelli che richiedono un esborso più cospicuo, come il banchetto o il viaggio di nozze. Viene dunque stabilito un piano di ammortamento, e questo permette ai novelli sposi di diluire la spesa invece di affrontarla tutta in una volta. In questo caso non si fa dunque ricorso a un intermediatore finanziario: gli accordi sono presi direttamente con il fornitore.

L'altra possibilità è invece quella di far ricorso a un prestito personale con cui pagare le varie spese di nozze, rivolgendosi a un istituto bancario o finanziario. I tassi di interesse possono cambiare da un istituto all'altro, ed è sempre utile fare una ricerca sul web per capire a chi conviene rivolgersi: tutto dipende da quanto denaro vogliamo chiedere in prestito e in quanto tempo intendiamo restituirlo. Le possibilità sono molte e una ricerca accurata potrà indicare facilmente la soluzione migliore.

Come è facile intuire, questo tipo di transazione, per essere concessa, richiede delle garanzie, seppur minime. In molti casi può essere sufficiente la firma di un garante che sia co-obbligato al pagamento delle rate in caso di insolvenza da parte del contraente. In altri casi si potrà far ricorso a delle cambiali che vadano a coprire le singole rate o l'intero ammontare del finanziamento. E nel caso in cui il finanziamento non risulti accessibile o non praticabile, si può sempre decidere di organizzare un matrimonio più semplice, meno sfarzoso e meno impegnativo dal punto di vista economico.