Le figure della finanza: l’ intermediario finanziario

Nel mondo dell’ economia di oggi  si va sempre di corsa e si scambiano tantissimi valori di denaro in poco tempo e quindi  la presenza di figure specializzate risulta essere fondamentale per impedire dei possibili problemi a livello legale ed economico.

Oggi fare finanza è diventato alla portata di tutti, poichè molto attività come ad esempio il forex on line possono essere fatte anche da casa e da persone inesperte che seguono i vari manuali presenti in rete.

Una delle figure più importante è l’ intermediario finanziario, che applica nei confronti del pubblico l’ attività di finanziamento.

Cosa fa l’ intermediatore finanziario

  Per comprendere al meglio il lavoro dell’ intermediario finanziario bisogna porre una particolare attenzione  a quello che sono gli scambi finanziari e in quale modo avvengono.

  • Scambio autonomo: questo avviene direttamente senza l’ utilizzo dell’intermediario
  • Scambio assistito:  gli scambi avvengono grazie all’ intermediario che si occupa di cercare e selezionare la miglior controparte per l’ affare
  • Scambio indiretto:  questi non scambiano direttamente  ma si occupa di tutte le pratiche l’ intermediario

La figura dell’ intermediario è parte integrante della transizione, anche se non entra nello specifico in quella che può essere la tipologia d’ offerta economica, questo si occupa di generare il suo profitto attraverso la specifica commissione portata a termine ricanvandone quindi una intermediazione creditizia.

Gli elementi dell’ intermediazione finanziaria

 L’ intermediazione finanziaria viene gestita da diversi elementi che fanno sì che una proposta fatta possa avere il successo sperato e portare all’ intermediario la commissione richiesta.

Il principale elemento che ci si trova ad affrontare è quello di tempo, che consiste nel fatto che l’ intermediario riceva dei fondi per una prestazione attuale in futuro attraverso la restituzione del capitale e le specifica remunerazione per la singola prestazione.

Un altro importante fattore è quello d’ incertezza che può riguardare l’ inaffidabilità della controparte con cui si sceglie di stipulare un contratto  o interna solitamente relativa alle varie clausole del contratto.

Questi fattori sono molto importanti e vanno messi in conto per cercare di trovare quello che può essere il contratto più redditizio e qui risulta fondamentale la figura dell’ intermediario finanziario.

Riforma del 2010

L’ ordinamento giuridico italiano del 2010 ha voluto regolarizzare le norme che riguardavano la figura dell’ intermediario finanziario e la vigilanza sul mercato del credito.

Attraverso il decreto legge 141 del 2010 sono state specificate due normative: la diminuzione del perimetro di riferimento e l’ omogeneizzazione dei presidi di vigilanza.