Mutui online e seconde case: perché nel 2016 conviene?

Secondo molti esperti, il 2016 dovrebbe essere l'anno giusto per investire nell'acquisto della seconda casa.

Il motivo sta nell'abbassamento dei tassi di interesse e in una tassazione favorevole per quanto riguarda il mutuo, in special modo se vengono eseguite le operazioni online.

 

I mutui online sono in continua crescita: sono sempre di più, infatti, le persone che scelgono di agire online, nonostante la trafila burocratica resti pressochè invariata. Il vero risparmio, infatti, lo si ottiene in termini di tempo poiché, servendosi dei calcolatori di mutui online, si può puntare sulla possibilità di un confronto più ampio e si può avere, sin dall’inizio, una proiezione di quella che sarà la rata mensile da versare.

 

I motivi per cui, nel 2016, saranno ancora di più le persone che sceglieranno di affidarsi al web per la richiesta del mutuo, sono da ricercare in primis in un fattore economico vantaggioso e nella comodità insita nel poter effettuare tutte le operazioni da casa.

Ma, se questa tipologia di mutui secondo molti è favorevole esclusivamente per chi acquista la prima casa, grazie agli incentivi che vengono applicati sulla rateizzazione, bisogna specificare che esistono anche numerose agevolazioni per l'acquisto della seconda casa, grazie ad alcune novità introdotte dal Governo nella legge di stabilità 2016.

 

In particolar modo, è stata introdotta la possibilità di accedere agli incentivi prima casa anche per le seconde case, a patto che la prima venga venduta entro dodici mesi dalla seconda. Si tratta, quindi, di una sorta di delega che viene concessa a chi desidera cambiare casa ma non ha ancora trovato l'acquirente per la prima abitazione.

Pur essendo un cavillo e una scorciatoia di recente istituzione, è già possibile procedere con la richiesta del mutuo online secondo questa nuova indicazione governativa, riuscendo quindi a ottenere un mutuo vantaggioso e a un costo accessibile nel caso si sia scelto di acquistare una seconda casa.

 

Richiedere il mutuo online non è mai stato così semplice, utilizzando soprattutto portali ad hoc, che permettono di comparare facilmente e in pochi minuti tutte le proposte disponibili per accendere un mutuo online, senza dover perdere tempo nelle agenzie bancarie per un colloquio con un consulente.

Inoltre, grazie alla diffusione dei device mobili, adesso non esiste nemmeno più il vincolo del computer di casa e della linea internet: il 2016 è l'anno dei dispositivi portatili da utilizzare come strumenti di business e di vantaggio, anche nel campo dei mutui online. Sono sempre di più, infatti, i siti che hanno lavorato per ottimizzare l'utilizzazione del portale anche sui dispositivi mobili, per dare modo a tutti di verificare le proposte in qualsiasi posto si trovino.

 

La decisione del governo di introdurre questa possibilità di acquistare una seconda casa con i vantaggi della prima, in un tempo antecedente alla cessione della stessa, dà senz'altro un grosso aiuto a chi sta pensando di effettuare un nuovo investimento immobiliare.

Fino a quest'anno, infatti, l'acquisto della seconda casa veniva visto come un passaggio dispendioso e non esattamente favorevole ma, soprattutto, chi aveva necessità di cambiare casa per esigenze specifiche, doveva aspettare di vendere quella in cui risiedeva se non voleva accollarsi un mutuo elevato per quella nuova, che sarebbe risultata a tutti gli effetti come seconda abitazione.

Certamente esiste il vincolo di dover vendere quella principale entro 12 mesi dalla conclusione, il che potrebbe causare qualche problema, ma si tratta di una clausola inevitabile che, dopo tutto, dà un anno di tempo per trovare il giusto compratore e avere allo stesso tempo modo di agire in piena libertà senza dover sacrificare nessun interesse.

 

Per tutti questi motivi, il 2016, si configura come l'anno della seconda casa, anche se non intesa nel senso letterale del termine. Secondo alcune filosofie finanziarie, chi acquista usufruendo della possibilità concessa dal Governo non sta accendendo un mutuo per una seconda casa ma per una prima casa-bis, proprio in relazione al vincolo dei 12 mesi. Tuttavia, si tratta di sottigliezze.

Per l'acquisto della seconda senza il vincolo di vendita della seconda, comunque, nel 2016 conviene sempre accendere il mutuo online, perché in ogni caso si possono ottenere vantaggi, avendo accesso a costi inferiori.

Infatti, come da ormai diversi anni, molti istituti di credito hanno scelto di agevolare chi decide di affidarsi alle pratiche online per accendere il mutuo, evitando di recarsi nelle filiali, creando un vantaggio indotto per entrambe le parti. Siti come Mutuiperlacasa.com permettono di individuare facilmente le proposte di mutuo online delle banche, anche per l'acquisto della seconda casa.