Preventivo avvocato: trovare un legale è ancora più facile

Informazioni e preventivo avvocato, il web è più libero

Per chi vuole ottenere informazioni e il preventivo di un avvocato cercando online la vita ora è molto più facile: sono infatti venute meno una serie di misure restrittive che costringevano gli avvocati a una presenza molto frammentaria sul web. Misure che, se da una parte avevano lo scopo di tutelare gli aspetti deontologici di una professione senza dubbio delicata, dall’altra rendevano più complesso agli utenti destreggiarsi tra informazioni, procedure e preventivi di avvocati. A tutto discapito dei cittadini stessi, che si trovavano così impossibilitati a trovare la quadra tra informazioni sparse in diversi siti di difficile consultazione e comunque affidati alla privata iniziativa – e responsabilità – di singoli avvocati.

La svolta data 22 gennaio 2016, giorno in cui il Consiglio Nazionale Forense decide che farsi pubblicità su internet non è contrario al Dovere di corretta informazione, previsto dall’articolo 35 del Codice Deontologico cui gli avvocati si devono attenere. Insomma: informare è sempre bene, a patto naturalmente che l’informazione sia data nella maniera corretta, senza ingannare o sviare l’utente, che può così trovare più facilmente informazioni e anche chiedere un preventivo all’avvocato o agli avvocati di suo interesse.

Il mondo del web può pertanto divenire una fonte primaria di informazione per chi sta cercando di destreggiarsi nel difficile mondo della materia legale: il che non significa certo che diventeremo tutti esperti di legge pronti a dibattere in tribunale le più disparate questioni, ma solo che potremo affrontare qualsiasi situazione legale con la certezza di averne compreso al meglio tutti i risvolti, affiancati dal nostro legale di fiducia che avremo trovato tramite il passaparola o, ancor meglio, tramite fonti autorevoli o un servizio specializzato come AvvocatoFacile, che ci consente di ottenere online informazioni, consigli e anche preventivi da avvocati cui rivolgersi in tutta fiducia.

 

Informazioni e preventivo avvocato: perché la legge che cambia ci viene in aiuto

Ma questa nuova normativa cosa prevede esattamente? E come rende più facile trovare informazioni legali e preventivi agli avvocati?

Innanzitutto un po’ di chiarezza sull’argomento di cui stiamo parlando: nello specifico sono infatti stati abrogati due commi dell’articolo 35 sopra citato e in particolare il comma 9 e il comma 10. Secondo questi due commi l’avvocato poteva utilizzare a fini informativi solo siti propri o comunque direttamente collegabili al proprio studio legale, dopo averne data comunicazione al Consiglio dell’Ordine di appartenenza. Quanto pubblicato su questi siti, inoltre, era sotto la diretta responsabilità dell’avvocato stesso e comunque non potevano essere inseriti riferimenti commerciali o pubblicitari di alcun tipo. Una situazione che, è facilmente intuibile, non rendeva semplice trovare informazioni affidabili e anche trovare il modo di chiedere un preventivo a un avvocato senza perdere molto tempo.

L’abrogazione di questi due commi significa dunque che sul web potremo iniziare a trovare di tutto e di più, addirittura con il benestare dello stesso Consiglio Nazionale Forense? Naturalmente no. Data la delicatezza della materia, tutto ciò che viene pubblicato deve comunque rispondere a principi basilari cui un avvocato non deve mai venir meno: verità, correttezza, trasparenza, segretezza e riservatezza sono infatti i capisaldi della professione, che hanno valore tanto nel mondo reale quanto in quello virtuale.

In questo senso, avere la possibilità di accedere senza tutte le restrizioni del passato a informazioni più libere, diffuse e facilmente raggiungibili non può che essere un deciso passo avanti nella capacità di giudizio e discernimento dell’utente, che potrà così contare su una nuova consapevolezza e sicurezza nell’affrontare le questioni legali con serenità d’animo e senza sentirsi in balìa degli eventi.